Ministero per i beni e le attivita' culturali e per il turismo-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Rete degli archivi 'per non dimenticare'

 
cerca nel portale
 

Omicidio di Alfredo Paolella, 11 ottobre 1978

Alle 8.40 dell'11 ottobre 1978Alfredo Paolella - titolare della cattedra di Antropologia criminale presso l'Università di Napoli - si recò presso l'autorimessa dove era custodita la sua macchina. Un gruppo composto da tre uomini e una donna lo affrontò, strattonandolo e scaraventandolo contro un pilastro. Fu ucciso con nove colpi d'arma da fuoco. Un ultimo proiettile fu sparato a bruciapelo alla tempia destra. Alla esecuzione assistettero impotenti i titolari dell'autorimessa e il garagista. Un'ora dopo l'attentato fu rivendicato da Prima linea con una telefonata al quotidiano «Il Mattino». L'attentato si collegava alla "campagna" che i terroristi stavano conducendo contro coloro che si dedicavano all'attuazione di un sistema penitenziario in linea con i principi fondamentali dello Stato democratico. Il professor Paolella collaborava, infatti, con il Ministero della giustizia e con il magistrato Girolamo Tartaglione, che era stato ucciso appena un giorno prima di lui. Gli autori materiali dell'omicidio furono identificati e condannati.