Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Rete degli archivi 'per non dimenticare'

 
cerca nel portale
 

Sono stati riportati gli episodi di violenza che hanno dato luogo sia a omicidi intenzionali sia accidentali.
Ne risulta un elenco vario e composito, nel quale gli attentati "mirati" (di carattere politico o mafioso) e la strage preordinata e pianificata a scopo terroristico si alternano alla morte di persone che si trovavano per caso sulla scena del delitto, alla morte come conseguenza di scontri tra avversari politici, all'omicidio per scambio di persona, alla morte in seguito alla repressione di manifestazioni di piazza.
In queste storie vi è un aspetto del nostro passato di cui è bene resti un chiaro e rispettoso ricordo: sarebbe importante riuscire a raccontarle tutte, anche per rendere omaggio a coloro che senza colpa hanno pagato un tributo di sangue. >>>

 
 
  • 1995

    1995

    19 gennaio 1995 Omicidio di Genovese Pagliuca. A Teverola (Caserta), è ucciso il giovane Genovese Pagliuca per ordine del clan dei Bidognetti.

    4 febbraio 1995 Omicidio di Pietro Sanua. A Corsico (Milano), è ucciso il fioraio ambulante Pietro Sanua, "sindacalista dei fioristi", che per primo denunciò il racket degli ambulanti a Milano.

    17 febbraio 1995 Omicidio di Giovanni Salamone. A Belmonte Mezzagno (Palermo), in un agguato in una macelleria contro uno dei proprietari, Simone Benigno, rimasto illeso, viene ucciso un cliente, Giovanni Salamone, e sono feriti altri due.

    >>>
     
  • 1996

    1996

    1° marzo 1996 Morte di Annamaria Torno. A Vinosa (Taranto), muore la bracciante Annamaria Torno, di 18 anni, vittima del caporalato, in un incidente stradale mentre era su un pulmino, che avrebbe potuto trasportare 9 persone, mentre ne portava 14.

    27 aprile 1996 Omicidio di Calogero Tramuta. A Lucca Sicula (Agrigento), è ucciso Calogero Tramuta, ex agente della Guardia di finanza, commerciante di arance.

    10 luglio 1996 Omicidio di Francesco Tammone. A Potenza, è ucciso l'agente Francesco Tammone da un pregiudicato che egli stava inseguendo.

    >>>
     
  • 1997

    1997

    4 gennaio 1997 Omicidio di Giuseppe La Franca. A Partinico (Palermo), è ucciso il bancario in pensione Giuseppe La Franca. I mafiosi volevano impadronirsi di alcuni terreni di sua proprietà.

    26 gennaio 1997 Omicidio di Ciro Zirpoli. A Ercolano (Napoli), è ucciso il sedicenne Ciro Zirpoli, figlio del collaboratore di giustizia Leonardo Zirpoli.

    12 febbraio 1997 Omicidio di Giulio Castellino. Al villaggio Mosè di Agrigento è ferito mortalmente con colpi di arma da fuoco Giulio Castellino, dirigente del servizio d'igiene pubblica presso la Usl di Agrigento e per oltre un decennio ufficiale sanitario a Palma di Montechiaro. Spirerà il 25 febbraio.

    >>>
     
  • 1998

    1998

    3 gennaio 1998 Omicidio di Saverio Ierace e Davide Ladini. A Cinquefrondi (Reggio Calabria), all'uscita da una sala giochi, sono uccisi Saverio Ierace, di 13 anni, e Davide Ladini, di 17 anni. L'omicida è un diciassettenne.

    18 febbraio 1998 Omicidio di Giovanni Gargiulo. A Napoli, è ucciso Giovanni Gargiulo, di 14 anni, per dissuadere il fratello dal collaborare con la giustizia.

    10 aprile 1998 Omicidio di Annalisa Isaia. Nei pressi di Catania, è trovato il corpo di Annalisa Isaia, una ragazza figlia del mafioso Paolo, ucciso nel 1993. Ha confessato il delitto lo zio di Annalisa, Luciano Daniele Trovato, che voleva impedirle di frequentare ragazzi di un clan rivale.

    >>>
     
  • 1999

    1999

    2 gennaio 1999 Strage di Vittoria. Strage mafiosa a Vittoria (Ragusa), con cinque morti, uccisi in un bar: Angelo Mirabella, Claudio Motta, Rosario Nobile, Rosario Salerno e Salvatore Ottone, i due ultimi incensurati. La strage si inserisce in un conflitto tra cosche mafiose per il controllo delle attività economiche, in gran parte legate al mercato ortofrutticolo, uno dei più grandi della Sicilia.

    20 marzo 1999 Omicidio di Francesco Salvo. A Castel Volturno (Caserta), è ucciso Francesco Salvo, cameriere in un bar, bruciato vivo in un raid punitivo contro il titolare, che aveva tolti i videogiochi del clan.

    22 aprile 1999 Omicidio di Stefano Pompeo. A Favara (Agrigento), è ucciso in un agguato mafioso il dodicenne Stefano Pompeo, che si trovava su un'auto di proprietà di Carmelo Cusimano, fratello di Giuseppe, indicato come vicino alla famiglia mafiosa di Favara, vero obiettivo dell'agguato.

    >>>
     
  • 2000

    2000

    7 gennaio 2000 Morte di Antonio Lippiello. Nei pressi di Mestre (Venezia), sull'autostrada Milano-Venezia, durante un inseguimento per un'operazione antidroga, rimane ucciso il sovrintendente di Polizia Antonio Lippiello.

    5 febbraio 2000 Omicidio di Salvatore Vaccaro Notte. A Sant'Angelo Muxaro (Agrigento), è ucciso l'imprenditore e consigliere comunale di Alleanza nazionale Salvatore Vaccaro Notte. Il 3 novembre del 1999 era stato ucciso il fratello Vincenzo. I fratelli, tornati dalla Germania, avevano aperto un'agenzia di pompe funebri. Secondo gli inquirenti non si sono piegati alla richiesta di chiudere l'attività, da parte di mafiosi interessati alla gestione di un'altra agenzia.

    24 febbraio 2000 Morte di Alberto De Falco e Antonio Sottile. A Brindisi, sono uccisi i finanzieri Alberto De Falco e Antonio Sottile, e feriti gravemente altri due colleghi. I militari erano a bordo di un'auto speronata da una Rover blindata di contrabbandieri.

    >>>
     
  • 2001

    2001

    12 luglio 2001 Omicidio di Michele Fazio. A Bari, è ucciso il sedicenne Michele Fazio, venutosi a trovare in mezzo a una sparatoria. Gli inquirenti sospettano che sia stato usato come scudo da un capo della Sacra Corona unita, reale bersaglio dell'agguato.

    20 luglio 2001 Omicidio di Carlo Giuliani. A Genova, in piazza Alimonda, nell'ambito delle manifestazioni organizzate dal Genoa Social Forum contro il vertice dei G8, durante violenti scontri fra manifestanti e forze dell'ordine, muore Carlo Giuliani, simpatizzante del movimento no global.

    3 settembre 2001 Omicidio di Stefano Ciaramella. A Casoria (Napoli), è ucciso il diciassettenne Stefano Ciaramella, per aver cercato di difendere la sua ragazza e il suo vecchio motorino.

    >>>
     
  • 2002

    2002

    18 febbraio 2002 Omicidio di Federico Del Prete. A Casal di Principe (Caserta), è ucciso Federico Del Prete, segretario regionale del sindacato autonomo degli ambulanti, da lui fondato, che aveva denunciato casi di intimidazione della camorra. Avrebbe dovuto testimoniare al processo, nato dalle sue denunce, contro Mattia Sorrentino, un vigile urbano di Maddaloni, rinviato a giudizio con l'accusa di estorsione nei riguardi di esercenti dei mercatini, per conto del clan La Torre. Il delitto è rimasto impunito.

    1° marzo 2002 Omicidio di Torquato Ciriaco. A Maida (Catanzaro), è ucciso l'avvocato Torquato Ciriaco, consulente di un'impresa edile di Lamezia Terme e titolare di alcuni appalti, affidati dall'Anas. Il delitto potrebbe essere collegato agli appalti per l'ammodernamento dell'autostrada Salerno-Reggio Calabria.

    19 marzo 2002 Omicidio di Marco Biagi. A Bologna, in via Valdonica, militanti delle Brigate rosse-Partito comunista combattente uccidono Marco Biagi, docente universitario e consulente del Ministero del lavoro.

    >>>
     
  • 2003

    2003

    4 gennaio 2003 Omicidio di Domenico Pacilio. A Grumo Nevano (Napoli), è ucciso Domenico Pacilio, che nei primi anni Novanta aveva denunciato una banda di estorsori provocando l'arresto e la condanna di uno di loro.

    2 marzo 2003 Omicidio di Emanuele Petri. Su un treno della tratta Roma-Firenze, presso la stazione di Castiglion Fiorentino (Arezzo), a un controllo dei documenti un viaggiatore uccide il sovrintendente di Polizia Emanuele Petri. L'uccisore è a sua volta mortalmente ferito da un altro agente; la brigatista che viaggiava insieme all'omicida viene arrestata.

    10 marzo 2003 Omicidio di Antonio Perri. A Lamezia Terme (Catanzaro), è ucciso l'imprenditore Antonio Perri, che non pagava il pizzo.

    >>>
     
  • 2004

    2004

    12 febbraio 2004 Omicidio di Attilio Manca. A Viterbo, viene trovato morto il medico urologo Attilio Manca. Si parla di suicidio, ma la sua morte viene messa in relazione con l'assistenza medica che avrebbe prestato a Bernardo Provenzano, ricoverato con falso nome presso una clinica nei pressi di Marsiglia.

    1° marzo 2004 Omicidio di Bonifacio Tilocca. A Burgos (Sassari), è ucciso, con un ordigno posto davanti casa, Bonifacio Tilocca, padre del sindaco di centro-sinistra, fatto segno di numerosi attentati.

    26 marzo 2004 Omicidio di Matilde Sorrentino. A Torre Annunziata (Napoli), è uccisa Matilde Sorrentino, che aveva denunciato anni prima un'organizzazione di pedofili.

    >>>
     
  • 2005

    2005

    24 gennaio 2005 Omicidio di Attilio Romanò. A Napoli, è ucciso nel negozio dove lavorava Attilio Romanò, giovane commesso incensurato, forse scambiato per il titolare, parente di un capo del clan rivale dei Di Lauro.

    31 gennaio 2005 Omicidio di Vittorio Bevilacqua. A Napoli, è ucciso Vittorio Bevilacqua, padre di Massimo Bevilacqua, appartenente al clan degli "scissionisti". Si ipotizza una vendetta trasversale.

    3 maggio 2005 Omicidio di Emilio Albanese. A Napoli, è ucciso da un rapinatore Emilio Albanese, un ingegnere in pensione di 69 anni.

    >>>
     
  • 2006

    2006

    11 giugno 2006 Omicidio di Fedele Scarcella. A Briatico (Vibo Valentia), viene trovato sulla spiaggia il corpo carbonizzato dell'imprenditore agricolo Fedele Scarcella, dentro la sua auto data alle fiamme. Scarcella, che prima di essere bruciato è stato ucciso con due colpi di pistola, era conosciuto per le sue battaglie antiracket. Nel 1998 aveva denunciato gli uomini del clan Piromalli-Molè che gli avevano chiesto il pizzo.

    4 settembre 2006 Omicidio di Salvatore Buglione. A Napoli, è ucciso l'edicolante Salvatore Buglione, accoltellato per rapina.

    6 settembre 2006 Omicidio di Michele Landa. A Pescopagano (Potenza), è ucciso, e bruciato nella macchina di servizio, Michele Landa, metronotte a guardia del ripetitore.

    >>>
     
  • 2007

    2007

    1° agosto 2007 Omicidio di Luigi Rende. A Reggio Calabria, è uccisa la guardia giurata Luigi Rende in un assalto a un furgone portavalori.

    27 novembre 2007 Omicidio di Umberto Improta. A San Giorgio a Cremano (Napoli), è ucciso Umberto Improta, durante una sparatoria tra due gruppi di giovani.

    29 dicembre 2007 Omicidio di Peppino Marotto. A Orgosolo (Nuoro), è ucciso l'ottantaduenne poeta, sindacalista e militante di sinistra Peppino Marotto. Si occupava in particolare degli anziani del paese ma anche dei problemi dei giovani. Si pensa che nella sua attività sociale possa avere toccato interessi di cui non doveva sapere o che avrebbe potuto mettere in pericolo.

    >>>
     
  • 2008

    2008

    26 marzo 2008 Omicidio di Antonio Longo. Sulla strada tra Catanzaro e Lamezia Terme, viene ucciso l'imprenditore Antonio Longo, parte lesa in un processo in corso a Cosenza per racket.

    16 maggio 2008 Omicidio di Domenico Noviello. È ucciso a Castelvolturno (Caserta), Domenico Noviello, titolare di un'autoscuola. Nel 2001 aveva denunciato un tentativo di estorsione ai suoi danni da parte del clan camorristico capeggiato da Francesco Bidognetti.

    1° giugno 2008 Omicidio di Michele Orsi. A Casal di Principe (Caserta), è ucciso l'imprenditore Michele Orsi, coinvolto assieme al fratello Sergio nell'inchiesta sul consorzio Eco 4, attivo nello smaltimento dei rifiuti nei comuni del Casertano; aveva cominciato a collaborare con la giustizia. Il delitto sarebbe stato compiuto dal gruppo dei Casalesi, legato a Francesco Bidognetti.

    >>>
     
  • 2009

    2009

    10 aprile 2009 Suicidio di Vittorio Maglione. A Vollaricca (Napoli), si suicida il tredicenne Vittorio Maglione, figlio di un boss della camorra. Lascia un messaggio al padre: «Adesso sei contento. Non ti rompo più». Nel 2005 il fratello era stato ucciso da altri camorristi.

    26 maggio 2009 Omicidio di Petru Birlandeanu. A Napoli, durante una sparatoria tra camorristi, viene colpito e muore il musicista romeno Petru Birlandeanu.

    25 giugno 2009 Omicidio di Gabriele Marrazzo e di Domenico Gabriele. A Crotone, durante una partita di calcetto, un killer spara dalla recinzione uccidendo Gabriele Marrazzo, di una’ndrina rivale, e ferendo sei ragazzi, tra cui Domenico Gabriele, di 11 anni, che morirà il 20 settembre dopo tre mesi di coma.

    >>>
     
Risultati: 46-60 di 61