Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Rete degli archivi 'per non dimenticare'

 
cerca nel portale
 

1987

 
 
 
 

9 gennaio 1987 Omicidio di Cosimo Aleo. Ad Acireale (Catania), è ucciso Cosimo Aleo, ragazzo di sedici anni, strangolato e poi finito a colpi di pietre da sicari perché aveva rubato in casa di un mafioso.

14 febbraio 1987 L'assalto di via Prati di Papa. A Roma, militanti delle Brigate rosse-Partito comunista combattente assaltano un furgone postale scortato da una volante della Polizia; nell'auto muoiono l'assistente di polizia Rolando Lanari e l'agente Giuseppe Scravaglieri.

4 marzo 1987 Omicidio di Giuseppe Richichi. A Polistena (Reggio Calabria), è ucciso da un proiettile vagante il vicepreside dell'istituto magistrale, Giuseppe Richichi, in un agguato contro Vincenzo Luddeni, direttore della Banca popolare di Polistena, rimasto illeso.

20 marzo 1987 Omicidio di Licio Giorgieri. A Roma, militanti dell'Unione comunisti combattenti uccidono il generale dell'aeronautica Licio Giorgieri, direttore generale della costruzione delle armi e degli armamenti aeronautici e spaziali del Ministero della difesa.

10 aprile 1987 Omicidio di Rosario Iozzia. A Cittanova (Reggio Calabria), è ucciso il vicebrigadiere dei Carabinieri Rosario Iozzia.

27 agosto 1987 Omicidio di Giuseppe Cutroneo e di Rosario Montalto. A Niscemi (Caltanissetta), durante una sparatoria tra due gruppi mafiosi, sono colpiti a morte i bambini Giuseppe Cutroneo e Rosario Montalto, che giocavano per strada.

4 dicembre 1987 Omicidio di Carmelo Ganci e di Luciano Pignatelli. A Castel Morrone (Caserta), sono uccisi i carabinieri Carmelo Ganci e Luciano Pignatelli. I carabinieri erano liberi dal servizio ma, appresa la notizia di una rapina, andavano alla ricerca dei rapinatori, inseguendoli con la loro auto. I malviventi aprivano il fuoco e uccidevano i due carabinieri.

20 dicembre 1987 Omicidio di Aniello Giordano. A Napoli, in un mobilificio, Aniello Giordano è ucciso da una banda di estorsori.