Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Rete degli archivi 'per non dimenticare'

 
cerca nel portale
 

1993

 
 
 
 

8 gennaio 1993 Omicidio di Beppe Alfano. A Barcellona Pozzo di Gotto (Messina), è ucciso il corrispondente del quotidiano «La Sicilia» Beppe Alfano. Aveva dedicato vari servizi alle attività della mafia della zona e ultimamente aveva denunziato le speculazioni dell'Aias di Milazzo a danno dei disabili.

8 febbraio 1993 Omicidio di Pasquale Campanello. A Napoli, nel carcere di Poggioreale, è ucciso Pasquale Campanello, sovrintendente della Polizia penitenziaria.

21 aprile 1993 Omicidio di Angelo Carlisi e di Calogero Zaffuto. Sulla strada da Porto Empedocle (Agrigento) è ucciso, assieme al pescivendolo Angelo Carlisi, Calogero Zaffuto, vittima innocente.

14 maggio 1993 Omicidio di Nicola Remondino. A Vibo Valentia, è ucciso il commerciante Nicola Remondino.

17 maggio 1993 Omicidio di Maurizio Estate. A Napoli, è ucciso Maurizio Estate, di 22 anni: aveva sventato uno scippo; il rapinatore è tornato indietro per ucciderlo.

27 maggio 1993 La strage di via Georgofili. A Firenze, nei pressi della Galleria degli Uffizi, un'autobomba provoca la morte di 5 persone: la custode dell'Accademia dei Georgofili Angelamaria Fiume, il marito Fabrizio Nencioni, le figlie Nadia di 8 anni e Caterina di un mese e mezzo, lo studente universitario Dario Capolicchio. Danni agli edifici circostanti e alla Galleria.

5 luglio 1993 Omicidio di Andrea Castelli. A Ragusa è ucciso l'elettricista Andrea Castelli, 24 anni, che era intervenuto per difendere la sorella e altre bambine da un molestatore, un pregiudicato del clan Madonia di Gela.

22 luglio 1993 Sequestro e omicidio di Adolfo Cartisano. A Bovalino (Reggio Calabria), viene sequestrato dalla 'ndrangheta Adolfo Cartisano, a scopo di estorsione. Il suo corpo è stato ritrovato nel 2003.

27-28 luglio 1993 La strage di via Palestro. A Milano esplode un'autobomba causando 5 vittime: i pompieri Carlo La Catena, Stefano Picerno e Sergio Pasotto, il vigile urbano Alessandro Ferrari e Driss Moussafir. Gravi danni al Padiglione d'arte contemporanea. Lo stesso giorno a Roma esplodono due ordigni, uno davanti alla basilica di San Giovanni in Laterano, l'altro davanti alla chiesa di San Giorgio in Velabro, gravemente danneggiata.

15 settembre 1993 Omicidio di Giuseppe Puglisi. A Palermo, nel quartiere Brancaccio, è ucciso il parroco Giuseppe Puglisi. Era impegnato in un'opera di educazione dei giovani del quartiere e di miglioramento delle condizioni di vita degli abitanti. Condannati come mandanti i fratelli Filippo e Giuseppe Graviano e come esecutore Salvatore Grigoli, successivamente collaboratore di giustizia.

7 novembre 1993 Omicidio di Giovanni Mileto. A Cittanova (Reggio Calabria), è ucciso in un agguato mafioso Giovanni Mileto, caposquadra cantonieri, sacrificatosi per salvare un'altra persona.

23 novembre 1993 Sequestro e omicidio di Giuseppe Di Matteo. Ad Altofonte (Palermo), scompare il bambino Giuseppe Di Matteo, figlio del collaboratore di giustizia Santo. Verrà tenuto in ostaggio fino al gennaio del 1996 e successivamente strangolato. Il suo corpo sarà sciolto nell'acido. Responsabili del delitto Giovanni Brusca, reo confesso, e altri mafiosi.