Ministero per i beni e le attivita' culturali e per il turismo-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Rete degli archivi 'per non dimenticare'

 
cerca nel portale
 

1989

 
 
 
 

10 gennaio 1989 Omicidio di Colin Winchester. A Deakin (Australia), è ucciso, da un appartenente alla 'ndrangheta, Colin Winchester, ufficiale di Polizia maggiore dell'Australia.

14 febbraio 1989 Omicidio di Francesco Pepi. A Niscemi (Caltanissetta), è ucciso Francesco Pepi, titolare di un'industria conserviera. Probabilmente il delitto è causato dal rifiuto di pagare il pizzo. In quegli anni a Niscemi c'era uno scontro tra cosche rivali con molti omicidi.

23 febbraio 1989 Omicidio di Marcella Tassone. A Laureana di Borrello (Reggio Calabria), durante una sparatoria, è uccisa Marcella Tassone, di 10 anni.

11 marzo 1989 Omicidio di Nicola D'Antrassi. A Scordia (Catania), è ucciso l'imprenditore Nicola D'Antrassi. A lui è intitolata l'Asaes (Associazione antiracket e antiestorsioni) di Scordia.

16 marzo 1989 Omicidio di Antonio D'Onufro. A Palermo, nel borgo di Ciaculli, è ucciso Antonio D'Onufrio, ritenuto informatore della polizia.

16 marzo 1989 Omicidio di Edoardo Toscano. A Roma, è ucciso Edoardo Toscano, componente di spicco della banda della Magliana.

20 marzo 1989 Omicidio di Vincenzo Grasso. A Locri (Reggio Calabria), è ucciso Vincenzo Grasso, gestore di una concessionaria di auto, che si rifiutava di pagare il pizzo.

9 giugno 1989 Omicidio di Salvatore Incardona. A Vittoria (Ragusa), è ucciso Salvatore Incardona, imprenditore agricolo, commissionario presso il mercato ortofrutticolo. Si sarebbe opposto alla richiesta di pagare il pizzo al clan Carbonaro-Dominante.

11 luglio 1989 Omicidio di Paolo Vinci e di Calogero Loria. A Camporeale (Palermo), sono uccisi Paolo Vinci, di 17 anni, e Calogero Loria, di 26. Sfugge all'esecuzione Filippo Loria, vero obiettivo dei killer.

5 agosto 1989 Omicidio di Antonino Agostino e di Ida Castellucci. A Villagrazia di Carini (Palermo), sono uccisi l'agente Antonino Agostino e sua moglie Ida Castellucci, incinta. Il delitto è stato messo in relazione con il fallito attentato al giudice Falcone all'Addaura del 29 giugno del 1989.

21 agosto 1989 Omicidio di Lodovico Ligato. A Bocale, quartiere di Reggio Calabria, è ucciso Lodovico Ligato, ex deputato della Democrazia cristiana ed ex presidente delle Ferrovie dello Stato.

24 agosto 1989 Omicidio di Giuseppe e di Carmela Pannone. Ad Agropoli (Salerno), è ucciso Giuseppe Pannone, camorrista di Afragola; è uccisa anche Carmela Pannone, 5 anni, sua nipote.

12 settembre 1989 Omicidio di Grazia Scimè. A Gela (Caltanissetta), durante una sparatoria tra mafiosi appartenenti a gruppi rivali, rimane uccisa Grazia Scimè.

2 ottobre 1989 Omicidio di Giovanbattista Tedesco. A Taranto, è ucciso il capo della vigilanza all'Italsider, Giovanbattista Tedesco, che aveva contrastato le imposizioni della Sacra Corona unita nelle acciaierie di Taranto.

20 ottobre 1989 Omicidio di Domenico Calviello. A Statte (Taranto), è ucciso Domenico Calviello, 14 anni, per un errore di persona o per una vendetta trasversale.

23 novembre 1989 Omicidio di Leonarda Costantino, Lucia Costantino e Vincenza Marino Mannoia. A Bagheria (Palermo), sono uccise Leonarda Costantino, Lucia Costantino e Vincenza Marino Mannoia, rispettivamente madre, zia e sorella di Francesco Marino Mannoia, di cui si diceva stesse per collaborare con la giustizia.

28 dicembre 1989 Omicidio di Pietro Giro. A Palermo, è ucciso, per ordine dei fratelli Ribisi di Palma di Montechiaro (Agrigento), l'autonoleggiatore Pietro Giro, probabilmente per vendetta trasversale, in quanto è cugino dello stiddaro Giovanni Calafato.