Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Rete degli archivi 'per non dimenticare'

 
cerca nel portale
 

Archivio di Stato di Bologna

 
 

L'Archivio di Stato di Bologna, istituito con rd del 22 ottobre 1874, n. 2256, cominciò a funzionare nel corso dell'anno seguente. L'esigenza di conservare i fondi archivistici, sparsi nei vari luoghi della città, in un unico archivio centrale o grande archivio, era stata avvertita nel decennio precedente in alcuni ambienti intellettuali locali: alla base dell'istituzione dell'archivio bolognese c'è dunque una scelta culturale. L'istituto conserva documentazione prodotta dagli uffici pubblici bolognesi dal Medioevo ai giorni nostri (il documento più antico è del 922 d.C.). Si trovano inoltre gli archivi di famiglie nobili, di chiese e conventi, di ospedali, dell'antica università, dei notai bolognesi, e un ricco materiale cartografico e catastale. Il patrimonio è costituito da circa 248.000 pezzi archivistici, collocati su oltre 35 km di scaffalature. La sede è nel complesso monumentale dei Celestini - le cui origini risalgono al sec. XIV -, recuperato e ristrutturato dal demanio statale a partire dagli anni Trenta del Novecento per renderlo idoneo ad accogliere l'Archivio di Stato. Il trasferimento degli uffici e di parte dei fondi archivistici avvenne nel 1940. Negli anni successivi e fino ai giorni nostri i costanti interventi di recupero edilizio hanno consentito di rinnovare e ampliare gli spazi destinati alla sala di studio, ai laboratori di fotoriproduzione e restauro, alla scuola di archivistica e all'attività didattico-promozionale. Dipende dall'Archivio di Stato di Bologna la sezione di Archivio di Stato di Imola, istituita con dm 27 marzo 1972.

 

Link Partner